Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Istituto Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia
Laboratori
 

Per la didattica, la ricerca e gli interventi conservativi la Scuola dispone di propri laboratori di restauro. Ad essi si affiancano aule didattiche, servizi per la documentazione, laboratori di microbiologia, chimica e microscopia con i settori per l’analisi stratigrafica e le tecniche diagnostiche non invasive.

L’attuale articolazione dei laboratori è il frutto di un complesso progetto di riqualificazione ed l'ammodernamento portato a termine nel marzo 2006. Tale risultato è stato reso possibile grazie alla collaborazione della Direzione Centrale Patrimonio e Servizi Generali e del Servizio Gestione Patrimonio Immobiliare (Ing. Davide Maruccio De Marco e l’Arch. Nicoletta Zennaro). L'intervento ha riguardato, oltre ai laboratori di restauro, gli spazi  di supporto quali le aule didattiche, l'area consultazione libri e i laboratori scientifici.
Le opere hanno interessato l'adattamento impiantistico dei locali con la realizzazione di particolari ambienti di specifica necessità del Centro, ma anche l'aggiornamento completo della dotazione strumentale e di laboratorio. Tale complessa operazione consente oggi di effettuare le principali analisi diagnostiche e conoscitive in relazione alle esigenze specifiche delle varie tipologie di beni culturali. Al laboratorio chimico si affiancano un'area per indagini biologiche ed una sezione dedicata alla microscopia. La prima è finalizzata alla caratterizzazione dei materiali costitutivi ed alla determinazione - tanto qualitativa che quantitativa - dei prodotti e degli agenti di degrado. Nella seconda possono invece essere effettuate indagini non distruttive sfruttando microscopi metallografici, microscopi mineralogici ed infine un microscopio binoculare in luce trasmessa con sorgente UV. Negli archivi sono conservate le documentazioni sulle analisi di laboratorio e le relazioni dei restauri, anche su supporto informatico. La biblioteca e l’emeroteca integrano le attività di studio e aggiornamento; l’archivio disegni, la fototeca e la diateca completano i servizi di documentazione, ricerca e consulenza offerti dalla Scuola anche a enti, istituti e operatori pubblici e privati che ne fanno richiesta.

Dopo i lavori di ristrutturazione, il complesso si articola su sei edifici:

 

 

Edificio A
Ufficio del responsabile del laboratorio di restauro delle tele e tavole;
Laboratorio di restauro tele e tavole.

Edificio B
Deposito materiali ed attrezzature;
Deposito prodotti chimici e solventi;
Deposito materiali.

Edificio C
Laboratorio restauro ceramica;
Laboratorio restauro metalli.

Edificio D
Laboratorio di restauro della carta;
Deposito materiali;
Ufficio responsabile del laboratorio di restauro della carta;
Laboratorio scientifico;
Laboratorio per la preparazione dei campioni;
 

Edificio E (Esedra di ponente)
Ufficio coordinamento scuola;
Segreteria tecnica;
Aula didattica piccola per lezioni teoriche con capienza di 25 posti;
Laboratorio didattico per la documentazione applicata al restauro;
Biblioteca ed area consultazione testi.

Barchessa di levante
Sala conferenze con capienza fino a 99 posti, dotata di sistemi di videoripresa ed impianto wireless.

 

L’intervento più complesso ha riguardato l’edificio D, in cui si svolgono la maggior parte delle attività della Scuola.

Pianta edificio D. Area secca (primo piano, in alto nella planimetria); area umida (piano terra, in basso nella planimetria)

 

 

 Laboratorio di restauro. Area secca.

 

Laboratorio di restauro. Area secca.

 

Laboratorio di restauro. Area umida.

Laboratorio di restauro. Area umida.

 

 Laboratorio di chimica

 

Laboratorio di chimica

 

 

 

 

 


 


Data pubblicazione 09/02/2016