Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Fotografo: Id Scheda 153
 
Foto Vasari
attivi dal 1875
professionisti
AUFG Luogo e/o periodo di attività: negozio principale in piazza Esedra, 61; filiali in via Ludovisi, 6 angolo via Veneto e via Condotti, 39; laboratori fotografici in via della Croce, 74a; via Manin, 61 (anni '60 del 900); via della Farnesina, 218 (tuttora esistente). -----BIOGRAFIA: Intorno al 1860 CESARE VASARI (Arezzo, 30 maggio 1846 - Roma, 31 maggio 1901) si trasferisce a Roma ed inizia la sua prolifica attività fotografica, lavorando inizialmente per fotografi professionisti (fu collabora...
Continua
AUFG Luogo e/o periodo di attività: negozio principale in piazza Esedra, 61; filiali in via Ludovisi, 6 angolo via Veneto e via Condotti, 39; laboratori fotografici in via della Croce, 74a; via Manin, 61 (anni '60 del 900); via della Farnesina, 218 (tuttora esistente). -----BIOGRAFIA: Intorno al 1860 CESARE VASARI (Arezzo, 30 maggio 1846 - Roma, 31 maggio 1901) si trasferisce a Roma ed inizia la sua prolifica attività fotografica, lavorando inizialmente per fotografi professionisti (fu collaboratore della vedova di Tommaso Cuccioni), ed aprendo, nel 1875. uno dei primi atelier per la produzione di fotografie d'arte ed architettura nella città eterna, divenuta capitale del regno. [N.B. Nei cataloghi commerciali la ditta Vasari viene pubbblicizzata come "casa fondata nel 1860"]. Nel 1898 ALESSANDRO VASARI (Roma, 1 luglio 1866 - ivi, 18 marzo 1929) succede allo zio Cesare, che si trasferisce a Firenze. L'attività dell'atelier Vasari ha in questo periodo un impulso decisivo aprendosi a nuove richieste commerciali ed alle tendenze artistiche della capitale. Nel 1929 TOMMASO VASARI (Roma, 21 marzo 1894 - ivi, 25 agosto 1971) eredita l'attività del padre Alessandro. Tommaso documenta la vicenda artistica ed architettonica della Roma del Ventennio, diventando fornitore della Casa Reale, e completando la sua opera fotografica nella ricostruzione del dopoguerra. A Tommaso succederà GIORGIO VASARI (Roma, 11 settembre 1931). Con Giorgio, dottore in chimica, l'Archivio Vasari si arricchisce di opere fotografiche d'arte, architettura ed industria, che vanno dalla documentazione delle opere pubbliche per le Olimpiadi del 1960, delle sedi, dei cicli produttivi e pubblicitari delle maggiori aziende del "Boom economico" italiano, alle edizioni sulle più importanti Basiliche, Chiese e Gallerie romane d'arte e antiquariato. Oggi l'attività fotografica è coordinata dai figli di Giorgio: ALESSANDRO VASARI junior (Roma, 25 febbraio 1957), ANDREA VASARI (Roma, 3 giugno 1962) e FRANCESCO VASARI (Roma, 9 giugno 1968). ------ARCHIVIO: Gran parte dell'archivio storico dei Vasari (5.000 lastre in vetro 21x27 cm. ed altre 13x18 cm.) è attualmente consultabile presso la Calcografia-Istituto Nazionale per la Grafica (Via della Stamperia 6 00187 Roma). La produzione "conto terzi" dal 1910 ca. all'immediato dopoguerra (350.000 tra lastre e negativi BN e Colore) fu acquistata dal Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell'Università di Parma (Piazzale Pace 7/a 43100 Parma). Un'ultima porzione più eterogenea consiste nell'archivio privato dei Vasari (attualmente circa 40.000 tra pellicole di vari formati positive e negative BN e Colore); questo fondo, in continua espansione, comprende la produzione fotografica dei Vasari dagli anni ‘50 ad oggi.