Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Opere d'Arte: Id Scheda 23686
 
PORDENONE (PN)
Visualizza schede OA con lo stesso valore
Palazzo Ricchieri
Visualizza schede A di riferimento
Museo civico d'arte di Pordenone
Visualizza schede OA con lo stesso valore
sec. XVI ( 1510 - 1520 )
Sacchis Giovanni Antonio detto Pordenone (1483-1484/ 1539)
Visualizza schede OA con lo stesso valore
Visualizza schede AUTORE di riferimento
DIPINTO tela/ pittura a olio
RITROVAMENTO DELLA VERA CROCE
Attribuita al Cariani (Berenson, 1957) e a Rocco Marconi (Heinemann, 1962), questa tavola è stata riconosciuta al Pordenone dallo Zampetti (1955) e da gran parte della critica successiva. L'opera, assieme a un pendant raffigurante la miracolosa resurrezione di un giovane in seguito al contatto con la vera croce, proviene dalla collezione Manfrin di Venezia dove, nel secolo scorso, erano attestati anche altri dipinti attribuiti all'artista; immessa nel mercato antiquario, venne acquistata dal Mus...
Continua
Attribuita al Cariani (Berenson, 1957) e a Rocco Marconi (Heinemann, 1962), questa tavola è stata riconosciuta al Pordenone dallo Zampetti (1955) e da gran parte della critica successiva. L'opera, assieme a un pendant raffigurante la miracolosa resurrezione di un giovane in seguito al contatto con la vera croce, proviene dalla collezione Manfrin di Venezia dove, nel secolo scorso, erano attestati anche altri dipinti attribuiti all'artista; immessa nel mercato antiquario, venne acquistata dal Museo Civico di Pordenone nel 1964 (C. Furlan, 1988, p. 56). Secondo la stessa Furlan "sembra ... indispensabile un arretramento cronologico al 1512-1514..." rispetto alla datazione proposta in precedenza dai critici verso il 1515, "quando il Pordenone, stimolato dai contatti con il mondo lagunare, cominciava ad estendere il prorpio interesse alle notazioni paesaggistiche: ... la composizione è ambientata en plein air e il gruppo degli edifici inserito sulla destra, in lontananza, tradisce la conoscenza di disegni di paesaggio eseguiti da Tiziano intorno al 1510-1511" (Furlan, 1988, p. 56). Fonte iconografica è la Legenda Aurea di Iacopo da VAragine, testo assai diffuso fra '300 e '400 nel quale si narrano le vicende della Vera Croce, dalla nascita dell'albero usato per costruirla sino al rinvenimento a Gerusalemme ed al definitivo riconoscimento.