Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Musei Collezioni Fondi: Id Scheda 46
 
UDINE (UD)
Visualizza schede MCF con lo stesso valore
Palazzo D'Oro Contarini
Visualizza schede A di riferimento
Collezione della Fondazione Friuli, già Fondazione CRUP
artistico
Visualizza schede MCF con lo stesso valore
La Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone, nata nel 1992, ha assunto la nuova denominazione “Fondazione Friuli” per tempo dal 23 dicembre 2016. Possiede una collezione di oltre cinquecento opere d'arte tra sculture, incisioni, disegni e dipinti, alcune esposte in musei della Regione Friuli Venezia Giulia per la loro singolare importanza e delicato stato di conservazione. Le opere risalgono al XVI secolo sino ad oggi e testimoniano l'originale lavoro di artisti friulani del Novecento ...
Continua
La Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone, nata nel 1992, ha assunto la nuova denominazione “Fondazione Friuli” per tempo dal 23 dicembre 2016. Possiede una collezione di oltre cinquecento opere d'arte tra sculture, incisioni, disegni e dipinti, alcune esposte in musei della Regione Friuli Venezia Giulia per la loro singolare importanza e delicato stato di conservazione. Le opere risalgono al XVI secolo sino ad oggi e testimoniano l'originale lavoro di artisti friulani del Novecento come Afro e Mirko Basaldella, Giuseppe Zigaina, Luciano Ceschia, Carlo Ciussi, Fred Pittino, Marcello D'Olivo, Ernesto Mitri, Anzil. Esposte nelle sale di rappresentanza e negli uffici della Fondazione, sia nella sede centrale di Udine di Palazzo d'Oro Contarini e del Monte di Pietà, che nelle sedi periferiche di Pordenone e San Daniele del Friuli, le opere sono spesso richieste per mostre non solo di ambito regionale.

Un esempio di efficace catalogazione partecipata
Le opere della Fondazione Friuli, già Fondazione CRUP, oltre seicento, sono state catalogate attr...

Continua
Un esempio di efficace catalogazione partecipata
Le opere della Fondazione Friuli, già Fondazione CRUP, oltre seicento, sono state catalogate attraverso un progetto partecipato che ha visto l'attività pluriennale (iniziata nel 2008) di un professionista nominato dalla Fondazione e supportato dall'allora Centro regionale. A sua volta il Centro regionale ha messo a disposizione la banca dati SIRPAC. La Fondazione si è anche impegnata a fornire l'apparato fotografico.