Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Opere d'Arte: Id Scheda 50986
 
UDINE (UD)
Visualizza schede OA con lo stesso valore
Castello di Udine
Visualizza schede A di riferimento
Civici musei e gallerie di storia e arte
Visualizza schede OA con lo stesso valore
( 1503 - 1507 )
Martini Giovanni (1470-1475/ 1535)
Visualizza schede OA con lo stesso valore
Visualizza schede AUTORE di riferimento
DIPINTO tela/ pittura a olio
SAN DOMENICO
Al centro della lunetta davanti ad un drappo con motivo melogranato rosso e oro, si staglia la figura quasi intera di san Domenico con lo sguardo rivolto verso sinistra. Tiene nella mano destra un rametto con quattro gigli bianchi e nella mano sinistra un libro aperto. Sopra la sua testa un angelo, assiso tra le nuvole tiene in mano una corona d'oro. A sinistra in basso due angeli in piedi suonano due strumenti musicali, mentre in alto un angelo è rivolto verso il santo in atto di porgergli una ...
Continua
Al centro della lunetta davanti ad un drappo con motivo melogranato rosso e oro, si staglia la figura quasi intera di san Domenico con lo sguardo rivolto verso sinistra. Tiene nella mano destra un rametto con quattro gigli bianchi e nella mano sinistra un libro aperto. Sopra la sua testa un angelo, assiso tra le nuvole tiene in mano una corona d'oro. A sinistra in basso due angeli in piedi suonano due strumenti musicali, mentre in alto un angelo è rivolto verso il santo in atto di porgergli una corona rossa. Lo sfondo è un cielo azzurro con nuvole bianche. A destra la stessa scena con due angeli musicanti e in alto un angelo che porge la corona bianca, a san Domenico.

La lunetta faceva parte di una pala d'altare commissionata a Giovanni Martini dalla Fraterna di sant'Orsola della chiesa di San Pietro Martire di Udine. L'opera fu smembrata dopo la soppressione del convento avvenuta per effetto di disposizioni mapoleoniche. La parte centrale, che raffigura sant'Orsola e le compagne, finì a Milano all'Accademia di Brera nel 1811 ove si trova tutt'ora. In tale scomparto vi è anche l'iscrizione con la data 1507. Della predella si sono invece perse le tracce. Nel documento, riferibile al contratto tra la Fraterna e Giovanni Martini, è descritta minuziosamente come doveva essere eseguita la pala d'altare (JOPPI, BAMPO 1887, pp. 26-28, 37-38). Nonostante esista questo documento, alcuni studiosi hanno precedentemente assegnato l'opera ad altri autori, mentre è inconfutabile la paternità al Martini (BERGAMINI 2002, p. 104)